giovedì 17 maggio 2018

La musica è finita. E’ il momento di giudicare il concerto






Prendo in prestito le parole di Marco Colombo in uno dei suoi Whatsapp post partita:” Penso che la partita di ieri sia il riassunto di tutto il nostro anno: Una partenza cosi così, la voglia di non mollare e di lottare, un recupero prodigioso che ci fa riacciuffare la possibilità di giocarla fino all’ultimo in extremis e alla fine, sul più bello, qualche episodio di sfiga e di infortuni che non ci permette di portare a casa la vittoria”

Ieri, preso dalla intensa giornata di lavoro,  non sono riuscito ad immortalare in un testo le grandi emozioni che la partita della sera prima mi ha fatto provare e me ne rammarico perché, sono certo, che siano state tra le emozioni più  belle della mia vita agonistica.

Vado col pensiero ai ricordi in modo disordinato e penso a quando nel bel mezzo della partita mi giro verso la panchina e dico ai ragazzi :” Ma vi rendete conto di che cazzo di partita stia facendo Andrea Minò? Sta lottando come un Leone su ogni singolo rimbalzo nonostante il tabellone stia dicendo meno 20; Non ho mai visto uno con due coglioni così! Lui è davvero il nostro Capitano”.

Penso ad Ema che braccato a vista per tutta la partita mi chiede dal campo di chiamare lo schema per lui che si sente carico e subito dopo segnare una bomba da antologia della pallacanestro. Poco dopo lo vedo, scavigliato essere portato fuori a braccia dai compagni  con la faccia di chi non ci sta ad arrendersi nemmeno contro il destino avverso : a breve lo vedo stringersi bene le scarpe per chiedermi  di rientrare perché non vuole finire la partita così….mettendo ancora una bomba e facendo un canestro in entrata in mezzo alla difesa  schierata.

Penso a Tias , il cui linguaggio del Corpo all’inizio della partita dice: “stanco morto”. 
La partita del giorno prima con XXL lo aveva letteralmente prosciugato, ma nonostante ciò il suo sguardo invece diceva : sono pronto a dare fino all’ultima goccia di sudore, anzi di sangue!
Matias ha fatto una partita meravigliosa, non delle sue migliori dal punto di vista tecnico ma sicuramente la migliore dal punto di vista agonistico. Ha messo tutto quello che aveva senza mai perdere la lucidità, ha messo le bombe della rimonta e ha dato a tutti la carica facendo capire che se qualcuno pensava che ci fossimo  arresi, beh si sbagliava di grosso.

Penso a Marco che, per la prima volta quest’anno, ha guidato la squadra da vero Play gestendo per tutto il secondo tempo la rimonta dal meno 23: che cambiamento dal primo giorno dell’anno: eri poco più che un ragazzino che voleva solo giocare e fare canestro mentre oggi sei un uomo che guida una nave in mezzo alla tempesta.

Penso al pubblico avversario che è venuto a farla da padrone alla Fiumararena con striscioni e tamburi facendoci sentire estranei in casa nostra …ma ricordo anche l’emozione che ho provato quando, durante la rimonta  sento esplodere l’energia dei nostri tifosi che fanno, letteralmente, tremare la palestra sovrastando il tifo avversario all’urlo; Lu-ssa-na…Lu-ssa-na. In quel momento non eravamo più soli a crederci e a lottare in campo perché tutti loro erano con noi.

Penso all’ultimo Timeout chiamato a 30 secondi dalla fine sotto di 6 punti dove chiedo ai ragazzi di non arrendersi, di continuare a crederci di lottare fino alla fine mettendo tutta la loro forza, la loro energia, mettendo tutta la loro anima!... e vedo nei loro sguardi non più dei ragazzi pronti a scendere in campo ma vedo degli uomini pronti a “farsi ammazzare” pur di far canestro.

Penso al  messaggio scritto da mia figlia Emma, letto a fine partita, che rimasta a casa per studiare seguiva la cronaca via whatsapp e sapendo che da meno 23 a fine primo tempo abbiamo agganciato il supplementare scrive : Cazzo Papi, non molli mai!”
e afferra la moto alle 11 di sera per venire a vedere gli ultimi minuti del supplementare.

Ricordo ogni decimo di secondo del tiro da tre punti del pareggio di Pietro,  vedo la palla roteare in aria, vedo la retina gonfiarsi vedo il pubblico andare in delirio e i nostri ragazzi esultare ed abbracciarsi e allora capisco che è quello il momento di trarre le conclusioni di quest’ultima annata di basket e di darne il giudizio finale: La migliore della mia vita.
Da un gruppo variopinto di giocatori, in condizioni impossibili ne ho fatto una vera squadra, ma soprattutto da un gruppo di ragazzi ne ho fatto degli uomini.  
E allora, grazie! Grazie  a tutti voi , dal primo all’ultimo. Queste emozioni non nascono per merito di singoli ma per la forza di tutti che insieme fanno nascere la cosa più bella che esista al mondo, una cosa nella quale ognuno è importante, anzi FONDAMENTALE,  una cosa che dura solo pochi istanti ma che ti resta nel cuore per una vita intera: Una Squadra. 
Vi voglio bene.   Fusto.


Si narra che  fu chiesto al più grande campione di Football americano il giorno del 20 anno dal suo ritiro cosa gli mancasse di più di quei meravigliosi anni. Gli chiesero se provasse nostalgia di quei momenti in cui tutti i giornali parlavano di lui, o della folla che lo acclamava o della gloria che lo accompagnava ad ogni  passo. La sua risposta fu:” Quello che più mi manca è lo sguardo che vedevo negli occhi dei  miei compagni: Sapevo che si sarebbero fatti ammazzare pur di farmi fare meta.”

Beh, Signori, quello che posso dirvi è che ieri sera in palestra “quello sguardo” era presente in ognuno di noi.

E sa tra 20 o 30 anni, magari un giovane oggi non ancora nato, vi chiederà di aiutarlo  a combattere per una giusta causa, non per” vil denaro”, ma solo per amore di giustizia e se ancora una volta saprete buttare il cuore oltre l’ostacolo e seguirlo nell’impresa, allora saprete che “quello sguardo”  è sempre rimasto con voi…che quello sguardo siete voi!

venerdì 4 maggio 2018

CAMPIONATO DI PROMOZIONE: PASSATO IL PRIMO TURNO





Eccola li.
Sembra incredibile da credere ma abbiamo eliminato la prima in classifica con un netto 2-0.
Abbiamo disputato due partite di grande intensità mentale prima ancora che fisica e tecnica.
Sono consapevole che quando si vince tutto gira giusto ed è facile sentirsi dei campioni, mentre si prova l'esatto contrario quando si perde, ma non è così. La vittoria è frutto anche di piccoli episodi che possono voltare faccia alla partita al di la dei singoli meriti o demeriti. Questo dico per restare con i piedi ben saldi a terra e per dare il giusto riconoscimento ai nostri avversari di Sebino che si sono battuti a testa alta contendendoci la vittoria fino agli ultimi secondi. La nostra scelta tattica difensiva li ha presi di sorpresa nella gara d'andata, mentre nella gara di ritorno li ha sfiancati lentamente prendendoli alla fine non per superiorità tecnica ma per stanchezza. Mi fa piacere ricordare che mai avversario più corretto abbiamo incontrato. Dal primo all'ultimo giocatore e dall'allenatore ai dirigenti non vi è stato mai un gesto di stizza o di nervosismo ma sempre una gran sportività e grande educazione verso noi e verso gli arbitri. Un plauso particolare al loro N 7 Signorelli che si è dimostrato essere un giocatore dal talento sopraffino e dal grande carattere( non si è mai scomposto ne ha perso la pazienza sebbene fosse stato per entrambe le partite il nostro sorvegliato speciale). Bravo! Per cui se a noi va la vittoria a loro va certamente "l'onore delle armi"!
Come detto non dobbiamo montarci la testa per il bel risultato raggiunto ma di una cosa possiamo essere orgogliosi: L'averci creduto. Questo credo sia il nostro grande merito. Nonostante avessimo agganciato i play off per il rotto della cuffia, non ci siamo presentati come se fossimo gli ultimi arrivati ma abbiamo guardato in faccia gli avversari a testa alta e li abbiamo affrontati consapevoli del nostro valore e delle nostre potenzialità. Di questa mentalità, possiamo essere orgogliosi.

E adesso avanti, il  sogno  continua perché... la musica non è ancora finita, e come diceva il mitico Giorgio Keller : "se c'è da ballare, si balla!"
Vai Lussana

mercoledì 25 aprile 2018


U18 provinciale - seconda fase SILVER - Lussana vs Cral Dalmine 65-45

Lussana: Alari 16, Biffi, Biroli 6, Dal Pian 6, Dubbini 2, Giavazzi 9, Invernizzi 4, Locatelli 5,
Pagani, Piziali, Signorelli 2, Storto 15

Cral Dalmine: Arnoldi, Betelli 26, Comotti 2, Cortinovis, Fancelli, Maffioletti 4, Magnani,
Pelicioli 9, Saladino, Santini, Viola 4


Parziali: 22-13; 13-19; 16-4; 14-9

Chiudiamo la seconda fase con una buona vittoria: ad un ottimo primo quarto facciamo seguire un secondo quarto in cui incappiamo nei nostri soliti errori in attacco e in difesa. L'intervallo ci serve a schiarici le idee e così il secondo tempo ritorna sui binari iniziali e chiudiamo sul 65-45
U18 provinciale - seconda fase SILVER - Basket 86 Caravaggio vs Lussana 68-59

Basket 86 Caravaggio: Badoni 21, Bellini, Belloli 2, Berni 2, Buzhala 2, Calvi, Carrara 6,
Legramandi 12, Maltempi 6, Pirrera 5, Ubbiali 10, Vinciguerra 2


Lussana: Biffi, Biroli, Dal Pian 1, Dubbini 3, Giavazzi 17, Invernizzi 21, Pagani, Signorelli, Storto 17

Parziali: 15-18; 16-21; 18.8; 20-12

Dopo un buon primo tempo condotto nonostante qualche problema di falli, subiamo sin dall'inizio del terzo quarto il rientro dei nostri avversari, la loro voglia di rivincita: combinata ad una difesa che fatichiamo a leggere e ancora di più ad attaccare, si arriva al risultato finale di 68-59.

Un secondo tempo davvero con le polveri bagnate (20pp).

lunedì 23 aprile 2018

Campionato di Promozione : Agganciati i Play-Off



              (Per scaramanzia non abbiamo ancora fatto una foto recente con gli ultimi innesti)

Sembra incredibile ma ce l’abbiamo fatta. Al nostro esordio nel campionato di promozione siamo riusciti ad agganciare i play off.
E’ stata l’annata più dura della mia carriera sportiva ( 38 anni…sic).  Mai come quest’anno mi sono chiesto chi me lo faceva fare di dedicare tutte le mie forze ed energie del mio tempo libero per un gruppo di ragazzi ai quali sembrava non interessargliene niente del basket. Siamo partiti in 18 ad affrontare questa stagione e nonostante ciò in palestra agli allenamenti eravamo raramente in più di 8, massimo 9. Le volte in cui siamo stati in 10 saranno state si e no 5 in un anno ( per altro grazie al contributo inaspettato di Gabriel, un brasiliano di passaggio, Jacopo,  un under 15 troppo giovane per poter giocare con noi, e ultimamente, Ricky una vecchia gloria del basket bergamasco ma ormai 50enne…). Impossibile pensare di fare le cose in modo serio così. Ogni volta ognuno una scusa diversa, sempre per altro credibile. Sta di fatto che l’unico extraterrestre del gruppo  sono stato io che non ho mai saltato un allenamento: mai ammalato mai un impegno.  Non sapevo di essere Superman.
Le uniche  cose che mi hanno fatto resistere a  non smettere sono stati quell’innato senso del  dovere inculcatomi sin da bambino che, se ci si prende un impegno bisogna portarlo fino in fondo, e quel convincimento che ripetevo ogni giorno come un mantra :“ si giudica il concerto solo quando è finita la musica”….e la musica non è ancora finita.
A dire il vero, durante l’anno, ci sono state delle iniezioni di energia che mi hanno fatto capire che non ero solo in questa battaglia e che il Buon Dio non mi aveva abbandonato.
L’esempio  del nostro capitano Andrea Minò è stato uno di questi. La sua serietà, maturità e voglia di non arrendersi nonostante tutto sono stati davvero encomiabili. Per tutto l’anno ha combattuto con il suo tendine malato che a fine allenamento diventava gonfio come un melone senza mai lamentarsi o arrendersi. Alle 23,00, al termine dell’allenamento, se ne tornava a casa e si metteva il ghiaccio per un’ oretta prima di addormentarsi, per alzarsi poi alle 6,00  tutte le mattine e andare a lavorare, non in un ufficio seduto comodo su una sedia ma in piedi tutto il giorno. E una volta tornato a casa stanco morto ecco che si metteva sui libri per portarsi a casa quella laurea che tanto tenacemente e caparbiamente si sta conquistando. Grazie Andrea, senza la tua presenza, determinazione, serietà ed esempio che ci hai sempre dato non saremmo giunti fino a qua.
Un'altra iniezione di energia è stato sicuramente Ema. Per oltre metà campionato si è allenato in condizioni quasi impossibili a causa dei suoi turni di lavoro: a settimane alterne finiva di lavorare alle 22,00 e nonostante ciò si presentava in palestra alle 22,30 per fare l’ultima mezz’ora di allenamento. La settimana  invece in cui si allenava regolarmente, quella buona per intenderci, era reduce da una sveglia mattutina alle 5 per poi coricarsi ben dopo la mezzanotte di ritorno dall’allenamento. Nonostante ciò pochissime sono state le sue assenze durante l’anno. La sua voglia di fare bene hanno risvegliato in lui, allenamento dopo allenamento,  il suo vecchio talento che sembrava ormai sopito, facendo letteralmente innamorare tutti i suoi compagni di squadra del suo tiro da tre punti. Quando finalmente un giorno mi disse che un suo collega aveva lasciato e che si era liberato un posto per fare giornata anziché i turni ho sentito ancora una volta che non ero solo e che da lassù qualcuno ci ama. Da quel giorno le prestazioni di Ema sono state un continuo crescendo, e con quelle, anche i nostri successi in campo.
E che dire di Matias, Gerard, Foresti… L’impegno profuso, la serietà e l’amore per il basket mostrato sembrano quelli di un ragazzo d’altri tempi e meritano da tutti la più grande stima e rispetto. Mattias si è allenato per tutto l’anno 3 volte la settimana con la squadra dell’XXL e nonostante ciò almeno una volta la settimana si è sempre allenato con noi e ogni volta che non vi erano sovrapposizioni di partite è venuto a giocare con noi. Anche per lui la sua giornata quotidiana non era certo facile. Come tutti gli studenti universitari frequenta le lezioni e studia il pomeriggio per poi andare ad allenarsi, ma a differenza di  tutti gli altri, ogni santa sera della settimana ( sabato e domenica compresi) per pagarsi gli studi veniva a pulire la palestra  facendolo sempre con il massimo impegno e serietà. Quando, stanco morto al termine delle partite mentre  tutti gli altri festeggiavano sotto la doccia, lui afferrava lo spazzettone delle pulizie e cominciava a pulire, io capivo che stavo guardando un ragazzo non comune, un ragazzo che sono certo in futuro saprà cogliere grandi soddisfazioni e importanti traguardi  che quella serietà e determinazione, son certo, gli faranno ottenere.
E che dire di Marco e Sacco ( anche se ora lo chiamiamo tutti Dr. Saccogna). La loro vita è forse più “normale” di quella dei tre descritti qui sopra ma non per questo meno dura. Ogni mattina partenza presto in treno o in macchina per andare a studiare l’uno a Milano, l’altro a Pavia in università dalla fama internazionale. Giornata lunga ed impegnativa mangiando un panino di sfuggita per tornare a casa giusto in tempo per fare la borsa e venire ad allenarsi.  Talvolta mi arrivava un messaggio da Marco che diceva: ”sono sul treno in ritardo di 15 minuti, appena arrivo a casa prendo la borsa e volo in palestra”. Che dire? Giù il cappello!
Poi ci sono stati gli innesti inaspettati: Il Giovane Nikos Bosis e il giovanissimo Domenico Cefisss.
Nickos è un ragazzo dalla grande passione per il basket che solo per quella merita di essere del Lussana. Per venire all’allenamento ( che non salta mai) parte un ora e 15 minuti prima in pulmann perché non ha la macchina. E’ un ragazzo con un grande talento supportato da un fisico minuto ma agilissimo. Il suo innesto in squadra ci è stato molto utile ed è stato un altro di quei segni ricevuti che non mi hanno fatto sentire solo
Domenico Cefis, detto Indro, è stata un’altra grande bella notizia. E’ l’esempio vivente dell’amore per il basket e della determinazione a non mollare mai. La sua determinazione in allenamento è ancora oggi un esempio di dedizione al lavoro in palestra per i nostri giovani. Persino negli esercizi individuali di fondamentali ci mette la massima attenzione e volontà e nonostante il deficit al braccio sinistro dovuto al recente intervento chirurgico si batte come un leone e soffre in silenzio ogni volta che si pende dei colpi proprio su quel  braccio. Sono convinto che il suo arrivo sia stato uno dei fattori determinanti nel cambiamento di  rotta della nostra squadra. Molto piacevole anche la presenza di suo figlio Andrea  in panchina a fare da mascotte nonostante la maglietta dell’Excelsior ( gioca nelle giovanili dell’Excelsior) e a fare la ruota con noi durante il riscaldamento. Ieri prima della partita mi ha detto : “Guarda che se passiamo come settimi e andando avanti incontreremo l’Excelsior io farò il tifo per …Noi”. Che grande!!!
Vi sono poi una serie di personaggi più comuni ma che comunque mi hanno sostenuto nel non arrendermi durante questa stagione ai quali voglio render grazie.
Andrea Alari:  anche lui ragazzo molto serio,molto  impegnato con la scuola, anche come rappresentante d’Istituto. La sua presenza agli allenamenti è stata molto elevata nonostante il doppio impegno con gli under 18. All’inizio ero incerto sul suo conto: il suo impegno in palestra mi sembrava superficiale e poco dedito al miglioramento ( e in parte sono ancora convinto oggi che potrebbe ottenere di più da se stesso con maggior attenzione in allenamento) ma conoscendolo meglio  ho imparato ad apprezzarlo, e molto.
Ragazzo sempre disponibile e malleabile pronto a giocare in più ruoli. Mai imbronciato ma sempre positivo anche quando “gli toccava” giocar da lungo lui che lungo non è. Non si è mai rifiutato di farlo e mettendosi a disposizione della squadra si è guadagnato giorno dopo giorno il suo posto in squadra diventando ora uno dei pilastri principali di questa formazione come ha dimostrato ieri in campo.
Alessio Montanari, Monta. Non voglio fare tanti giri di parole. Del Monta non vi parlerò del suo fisico possente o delle sue doti tecniche incredibili né tanto meno della sua giornata quotidiana impossibile. Monta è semplicemente l’uomo squadra che tutti vorrebbero avere. Quasi sempre presente agli allenamenti ( salvo quando soffre  di imbarazzo intestinale…) è disponibile a giocare in qualsiasi ruolo pur di rendersi  utile. La sua principale caratteristica che lo rende uomo squadra è che crede fermamente nella squadra. Per lui, a differenza di tutti gli altri quello che conta è vincere . Sembra una frase fatta ma non è così. Quante volte girandomi in panchina anche durante le nostre partite migliori  mi capita di vedere facce deluse e tristi perché convinti di non aver giocato bene o non aver giocato quanto avrebbero voluto. Ebbene, al Monta questa faccia non l’ho mai vista. Lui era sempre carico e talvolta mi dovevo girare e spingerlo a sedersi in panchina per essersi alzato ad esultare per un canestro dei nostri. Grande Monta, grazie per essere dei nostri.
Non posso non ricordare comunque anche tutti gli altri che in misura diversa e con diverse potenzialità sono stati con noi e ci hanno permesso di arrivare fino a qui.
Primo tra questi Nicolò Foresti. Il suo contributo è stato altalenante durante l’anno. Si era anche tirato fuori dal  gruppo per un certo periodo, ma poi la voglia di mettersi in discussione e il desiderio di essere importante all’interno di un gruppo lo hanno fatto tornare. Si, perché Nicolò se vuole può essere importante all’interno del nostro gruppo, anzi determinante come ha dimostrato in queste due gare. Ha grandi doti fisiche. Le doti tecniche stanno crescendo piano piano ma gradatamente. E’ sicuramente uno dei migliori 99 presenti nel campionato di promozione. E’ in piena fase di adolescenza e questo è l suo principale problema che si traduce in mancanza di costanza  negli impegni assunti. Anche lui però ha avuto la sfortuna contro, questo va ricordato, e un fastidioso dolore alla schiena ha ridotto le sue potenzialità e la sua perseveranza. Ultimamente però, sta dimostrando di essere più forte del dolore e maturo al punto giusto per  pianificare gli interventi medici necessari a risolverlo in maniera definitiva al termine del campionato. Questo è sicuramente un gran gesto di maturità e di affetto verso  la squadra che gli fanno sicuramente onore, per cui, anche per lui…giù il cappello.
Per finire i due under 18 ( sarebbero tre ma il povero Tommy è stato tolto dai giochi a causa di un legamento crociato, anche se è sempre rimasto vicino alla squadra facendolo rimanere a pieno titolo uno di noi).
Pietro, detto anche Pietrovic per il suo formidabile tiro da tre, è un giocatore dall’indiscusso talento tecnico che ha contribuito in diverse occasioni ai nostri successi. La sua presenza è stata però in questa  stagione a corrente alternata  e ciò è dovuto in parte agli infortuni subiti ( è stato davvero sfortunato) ma anche in parte dovuto ai suoi problemi scolastici che non  poche volte nel corso della sua carriera lo hanno tenuto lontano dal campo di gioco. E’ stato con noi dall’inizio fino ad oggi e si merita di dividersi con noi questi successi, e chi sa che nei play off non si possa anche prendere delle soddisfazioni personali.
Last but not least l’altro under 18 Alessandro Storto, detto anche Cumenda ( dal milanese commendatore).
Anche per lui, come per Pietro, la presenza è stata a corrente alternata. Lui è un giocatore atipico, sia tecnicamente che mentalmente. Da un punto di vista tecnico non ha un ruolo ben definito. Quest’anno ha giocato sia da play che da guardia e ala. E’ un ottimo difensore e possiede un gran senso del rimbalzo. Se si dovesse fare il quoziente minuti giocati-canestri segnati credo che sarebbe il primo. Quasi ogni volta che è entrato in campo il suo canestrino lo ha sempre fatto. Dal punto di vista mentale è, come detto, atipico perché si vede che ama la pallacanestro … ma non l’adora. Non perde certo minuti preziosi del suo tempo a studiare la classifica e fare il calcolo delle classifiche avulse. Per lui  la pallacanestro non è una priorità ma neanche secondarietà …. Per il fatto che gli è riconosciuta da tutti i suoi compagni  grande classe e stile in tutte le situazioni, sia fuori campo che in campo lo abbiamo definito “Cumenda”. Gode della simpatia e stima di tutti, e il suo contributo durante l’anno è stato comunque prezioso.
Rileggendo queste considerazioni capisco che il segreto del nostro successo è stato il gruppo. Un gruppo che nonostante tutte le difficoltà incontrate non ha mai mollato e smesso di crederci. Un gruppo che ha saputo trarre forza da questa stessa complicata situazione e rimanere comunque sempre concentrato .
 Non ho mai allenato un gruppo come questo e credo che non ne esista un altro uguale.
E allora capisco che questa non è stata l’annata peggiore della mia vita, come detto all’inizio, ma la migliore!  Ho potuto allenare dei ragazzi incredibili dalla grande volontà e determinazione. Ho visto realizzarsi un sogno: Tutti ragazzi nati e cresciuti nel Lussana ai quali direttamente o indirettamente ho messo la palla in mano da bambini. Ragazzi  che hanno fatto le scelte di vita giuste, che hanno saputo dare al basket il giusto posto nella vita e ai quali il basket ha dato tanto in cambio.
 E allora capisco che tutto ciò è veramente meraviglioso e ringrazio il buon Dio di avermi permesso di vivere questa fantastica esperienza  al fianco di questi ragazzi così speciali.
 E attenzione  
… perché  la musica non è ancora finita!


CAMPIONATO UNDER 13 GIRONE SILVER


PALAVAL BASKET 04 - LUSSANA BERGAMO 38 - 80 (8-24; 24-36; 31-57)
PALAVAL: Pesenti, Veneziani 1, Rota 4, Selita 2, Micheletti 6, Colleoni 10, Maffeis, Mazzoleni 4, Lusini 5, Locatelli 6, Baggi   All. Trapletti
LUSSANA: Mazzoleni 2, Adami 13, Duci 13, Carioli 6, Madonna 2, Rosace, Carparelli 19, Zana 5, Canonico 3, Balbi 5, Boffi 10, Renella 2   All. Montagnosi

Ultima partita per i ragazzi dell'Under 13, ospiti di Coach Trapletti e del suo Palaval.
Partita che inizia nel migliore dei modi per i nostri, un ottimo primo quarto ci porta a chiudere la frazione in vantaggio di 16 punti. La partita si risveglia nel secondo periodo, dove i nostri avversari sfruttano la maggiore fisicità e qualche distrazione Lussanina per riavvicinarsi, il punteggio recita 24-36 a metà partita.
Il secondo tempo inizia con maggiore attenzione e ritmo per i nostri ragazzi, il distacco aumenta sempre più fino al punteggio finale di 38 a 80.

Si conclude cosi il girone Silver per la nostra squadra Under 13 con un record di 11 vittorie e 3 sconfitte, secondi a pari merito con Stezzano e dietro l'imbattuta Bonate.
CAMPIONATO ESORDIENTI GIRONE GOLD


21/04 5a giornata di ritorno:
LUSSANA BERGAMO - BASKET PEDRENGO 67 - 16 (22-7; 40-9; 60-14)
LUSSANA: Adami 20, Balbi 6, Canonico 2, Carioli 4, Carparelli 16, Guidetti, Isaia 6, Poma 2, Renella 5, Stiz, Vigorelli, Zana 6   All. Montagnosi
PEDRENGO: Rubbi 2, Preckaj 2, Capitanio, Rota, Morlotti, Disha, Giovanelli, Guerini 5, Tombini 7, Magioni   All. Viganola

Gruppo Esordienti che ospita Pedrengo di Coach Viganola sabato pomeriggio alla Fiumara.
La partita inizia subito nella maniera migliore per i nostri ragazzi, i primi due quarti filano via lisci e con ritmi molto alti e all'intervallo il punteggio recita 40 a 9 per i padroni di casa.
Nel secondo tempo la storia non cambia e si chiude il tabellone che recita 67 a 16.

Prossimo appuntamento: Mercoledi 2 Maggio alle ore 18.00 contro Villaggio degli Sposi (palestra Muzio, via San Pietro ai Campi, COLOGNOLA)

venerdì 20 aprile 2018

CAMPIONATO U13 GIRONE SILVER 



19/04 6a giornata di ritorno:
LUSSANA BERGAMO - BERGAMO BASKET 2014 55 - 48 (13-12; 29-25; 42-33)
LUSSANA: Adami 7, Balbi 1,Boffi, Carioli 12, Carparelli 7, Donatello, Duci 15, Mazzoleni 4, Renella, Rosace 1, Sinatra, Zana 7   All. Montagnosi
BB14: Della Peruta, Di Gregorio 14, Ravasio, Tasca, Ravasio 11, Molteni 12, Scotti, Casotti, Gotti, Cassinari, Testa 2, Perico 7    All. Colleoni


Penultima partita del Girone Silver per il gruppo U13, che ospita giovedi sera la BB14 di Coach Colleoni.
Partita sentita nel primo tempo, alle buone giocate senza palla dei nostri ragazzi rispondono le penetrazioni e gli 1vs1 molto efficaci dei nostri avversari. Si chiude il primo tempo in vantaggio di 4 punti con la partita ancora totalmente in discussione.
Il terzo quarto ci porta ad arrivare in doppia cifra con il vantaggio, illusione che dura poco perchè a cavallo tra i due periodi finali assistiamo alla riscossa di BB14 che arriva anche al -3 trascinata dall'ex di giornata Di Gregorio. Lussana che man mano riprendere le redini della partita grazie ad un ottima difesa e ad un Duci scatenato, vero trascinatore della squadra. Si chiude con il risultato di 55 a 48 una partita accesa e divertente.

Prossimo impegno: ultima partita di campionato domenica alle 11.00 contro Palaval (Passaggio Rodari 3, Paladina)



#VAILUSSANA


mercoledì 18 aprile 2018

CAMPIONATO ESORDIENTI GIRONE GOLD


17/04 4a giornata ritorno:
LUSSANA BERGAMO - SCUOLA BASKET TREVIGLIO 52-29 (8-6; 19-12; 35-23)
LUSSANA: Adami 2, Balbi 8, Canonico 8, Carioli 7, Carparelli 7, De Filippi 4, Martinelli, Poma, Renella 4, Sancinelli, Vigorelli 5, Zana 7   All. Montagnosi
TREVIGLIO: Allevi, Attanasi, Bertorello 4, Ceruti 11, Corbetta, Cortinovis, Franco 4, Guida 4, Prestileo 4, Rossoni, Solitro 2, Viscardi   All Ceruti


Gruppo Esordienti che ospita Treviglio di Coach Ceruti martedì sera alla Fiumara.
Inizio di partita teso e disattento per entrambe le squadre, palle perse e imprecisioni in attacco la fanno da padrone per tutti il primo quarto, chiuso 8-6 per i padroni di casa. Nel secondo periodo i ritmi aumentano leggermente ma la partita non è di certo bella, continuano errori e disattenzioni per entrambe le squadre e all'intervallo il punteggio recita 27-18.
Nel secondo tempo la partita si fa più viva, all'estro di Ceruti il Lussana risponde coralmente con buone azioni offensive. Il punteggio finale recita 52 a 29 per i nostri ragazzi, i complimenti vanno comunque ai nostri avversari che hanno tenuto testa per 3 quarti con molti ragazzi sotto età.

Prossimo impegno: sabato 21 Aprile alle 15.30 alla Fiumara (via Angelo Maj) contro Pedrengo



#VAILUSSANA


CAMPIONATO UNDER 13 GIRONE SILVER


07/04 5a giornata di ritorno:
LUSSANA BERGAMO - BASKET STEZZANO NERO 66 - 57 (14-16; 28-27; 47-46)
LUSSANA: Adami 13, Boffi 6, Carioli 14, Donatello, Duci 5, Madonna, Mazzoleni, Renella, Rosace 4, Sinatra 0, Zana 16   All. Montagnosi
STEZZANO: Awad 6, Battaglia 2, Carraretto 2, Contino 1, Facheris, Iannotta, Mitrovic 2, Nozza 6, Petrò 3, Renda 7, Rizzi 22, Roggerini 6   All. Lorenzi


Gruppo Under 13 impegnato contro gli amici di Stezzano allenati da Coach Lorenzi.
Partita molto equilibrata per tutti e tre i quarti iniziali, a un ottimo Rizzi rispondo le giocate di squadra dei ragazzi con la divisa verde. L'equilibrio non si schioda fino alla fine del terzo quarto.
L'ultimo periodo ci vede allungare grazie a un maggiore ritmo e ad un attenzione difensiva che non cala, alla fine il +9 finale ci porta un ottima vittoria contro una squadra molto ben allenata e organizzata.

Prossimo impegno: giovedi 19 aprile alle alle 19.15 contro BB14 alla Fiumara (via Angelo Maj)



#VAILUSSANA

domenica 15 aprile 2018


Campionato U15 M. Girone Silver 1 – 6^ gara di ritorno
Basket Romano Lombardo - Lussana Bianco 47 - 53 (21-28)


Romano L.do: Berkakech 13, Caforio 6, Pesenti 5, Rama 2, Cavenago 2, Biglioli 6, Rumanaro 5, Comeim 8, Zanibelm, Colonna, Cattaneo.
All.re: Dellera R.  Assist.All.re: Caforio G.

Lussana: Pagani 6, Ferreri 15, Epis L. 4, Pievani 6, Bonalumi 11, Candotti 2, Ferri 1, Cacace, Ferretti, Villa 2, Martinelli 4, Epis M. 2.
All.re: Campari L.

Arbitro: sig. Bompani
Parziali:  9-13; 12-15; 13-13; 13-12.

Note:
Falli fatti: Romano 10; Lussana 12. Usciti per falli, Romano: n.n.- Lussana: n.n.
Tiri liberi: Romano 1/9 - Lussana 5/15.
Tiri 3 P.: Romano 2 (Pesenti, Rumanaro); Lussana  2 (Ferrari, Martinelli).

Prossimo impegno: Sabato 21/04/18 ore 19,00 Lussana vs Villaggio Sposi, Palestra Fiumararena, Liceo Lussana, Via Foro Boario (BG)

La penultima partita del campionato ci porta una meritata e sofferta vittoria contro i bravi ragazzi di Romano che ci hanno dato filo da torcere fino all’ultimo, con il terzo quarto in perfetto equilibrio e l’ultimo di misura ad appannaggio dei padroni di casa.
Una gara forse non bella tecnicamente, ma giocata dai nostri ragazzi con determinazione sino alla fine.
Incominciamo bene il primo quarto, in attacco riusciamo a concludere da distanza ravvicinata e la circolazione di palla ci consente di avere buoni tiri dalla media distanza.
Anche in difesa riusciamo a contenere gli 1vs1 ma a volte tardano a giungere gli aiuti difensivi; ci prendiamo un discreto vantaggio ed andiamo all’intervallo con 7 punti di vantaggio.
Al rientro proviamo a prendere maggior vantaggio, pressando e raddoppiando il portatore di palla nella nostra metà campo, con l’obiettivo di recuperare qualche pallone; ma non riusciamo a fare il break, merito del Romano che con buoni passaggi, riesce ad andare a canestro.
Il gioco però diventa spigoloso, i ragazzi sentono la partita ed alcuni diventano nervosi, troppi contatti al limite del fallo, e così preferisco tornare ad una difesa più conservativa che smorzi gli animi e consenta di tornare ad un gioco più “normale”.
Con il pareggio 13-13 nel terzo quarto, ma sotto di 1 nell’ultimo periodo, concludiamo questa combattuta gara contro Romano, nella quale la volontà è prevalsa sulla tecnica e sulla tattica.    

Forza ragazzi e …..FORZA LUSSANAAAAA.













martedì 10 aprile 2018


U18 provinciale - seconda fase SILVER - Lussana vs Basket Latorre 55-67

Lussana: Alari 13, Biffi, Biroli 2, Colombo 11, Dal Pian, Dubbini 2, Giavazzi 10, Locatelli 3, Pagani, Storto 14

Basket Latorre: Allegrini 6, Capponi 4, Carrara A. 17, Carrara S. 5, Cravero, De Belen 9, Menichini 16, Nicoli 8, Pirovano 2, Racis

Parziali: 22-26; 10-13; 11-14; 12-14

Latorre conduce dall'inizio alla fine anche la gara di ritorno: nonostante una gara di grande impegno e volontà dei nostri u18, in ogni quarto il nostro avversario è riuscito a scavare una serie di parziali che hanno condotto al pieno controllo della partita.
Dopo un primo quarto molto offensivo da entrambe le parti, le difese si assestano e le percentuali realizzative si abbassano: la maggior aggressività difensiva del Basket Latorre dà i suoi frutti rendendo vano ogni nostro tentativo di rimonta.
Il punteggio finale di 55-67 esprime al meglio l'andamento complessivo della partita. 
U18 provinciale - seconda fase SILVER - Lussana vs Basket Stezzano 42-67

Lussana: Alari 11, Biffi, Biroli 2, Colombo 6, Dubbini, Giavazzi 9, Pagani, Piziali, Storto 14

Basket Stezzano: Bertulessi 5, Brembilla 8, Cattaneo, Maini 21, Marchesi 10, Marcolongo 2, Montella, Salvi 10, Sandrinelli, Scamardella 5, Zanoni 6

Parziali: 5-17; 17-12; 13-18; 7-20


Al termina di una gara particolarmente sottotono, i nostri u18 cedono il passo ad un ottimo Basket Stezzano: dopo il rocambolesco finale dell'andata, Stezzano ha dimostrato sul campo di volersi prendere una meritata rivincita. Il nostro comportamento abulico ha fatto il resto: sin dal primo quarto abbiamo dovuto inseguire e soprattutto fare i conti con le polveri bagnate del nostro attacco.
Troppe palle perse e poca aggressività in difesa hanno vanificato anche gli effetti di un buon secondo quarto in cui ci eravamo illusi di aver raddrizzato la partita: dopo esser rientrati fino a -2 nel terzo quarto, subiamo un blocco e lasciamo campo aperto alle iniziative degli avversari. Il risultato è un parziale terrificante che ci porta a chiudere la partita sul 42-67.
Complimenti a Stezzano per la superiorità dimostrata!

domenica 8 aprile 2018

Campionato U15 M. Girone Silver 1 – 5^ gara di ritorno

CRAL Dalmine – Lussana Bianco 47-36 (19-23)

CRAL Dalmine: Orlandi 10, Venezia 6, n. 18 pt.7, n.10 pt.6, n. 5 pt 13, n. 11 pt.5.
All.re: Bonaita N.
Lussana: Ferri 4, Villa 8, Facoetti 1, Bonalumi 6, Epis M. 3, Martinelli 9, Pievani 5, Pagani, Ferretti, Epis L., Candotti.
All.re: Campari L.

Arbitri: sig.ri Elitropi G. Elitropi F.
Parziali: 10-12; 9-11; 16-7;12-6.
Note:
Falli fatti: Dalmine 19, Lussana 12. Usciti per falli: Dalmine, n.n. Lussana, n.n.
Tiri liberi: Dalmine 3/8, Lussana 6/16.
Tiri 3 P.: Dalmine 2 (Venezia, n.5) - Lussana 2 (Villa, Epis M.)
Prossimo impegno: Sabato 14/04 ore 15,30 Romano Lombardo vs Lussana Bianco, Palestra Via G. Antonio Cavalli snc – Romano di Lombardia (BG).

Cadiamo malamente nella gara con Dalmine, una squadra che è cresciuta rispetto alla gara del girone di andata, quando avevamo vinto di 27 punti.
Già nel riscaldamento pre-partita non siamo concentrati, arrivano conclusioni “sbilenche”, gesti tecnici ed atletici “improbabili” da realizzare in gara.
Entrati in campo giochiamo male, ma all’intervallo del secondo quarto riusciamo ad essere in vantaggio di di 4 punti.
Nel terzo quarto cerchiamo di staccare gli avversari con un pressing a tutto campo che però ha come effetto che Dalmine, per nulla “impaurita”, pareggia ed anzi ci sorpassa.
Ricambiamo subito modulo difensivo, ma Dalmine ha preso fiducia e aumenta il distacco.
Ci troviamo ora a rincorrere, ma senza idee in attacco e con poca determinazione in difesa, non riusciamo a recuperare.
Si chiude così, sul meno 11 per noi, questa gara che ha mostrato evidenti pecche nel nostro modulo offensivo, un sistema di gioco semplice che stiamo provando da quasi 4 mesi, ma che non riusciamo a far nostro.
Complimenti ai ragazzi di Dalmine (ed al loro allenatore) che sono cresciuti dall’ultima volta che li avevamo incontrati, mentre noi dovremo cercare una via per riprendere fiducia e ritornare a giocare come una squadra.  






giovedì 5 aprile 2018

CAMPIONATO ESORDIENTI GIRONE GOLD



05/04 3a giornata di ritorno:
EXCELSIOR BERGAMO - LUSSANA BERGAMO 31 - 62 (8-17; 17-34; 25-52)

EXCELSIOR: Carissoni 4, Lorenzi 4, Porcu 2, Vitali 5, Lamberto 4, Birolini 2, Ciancio 4, Bongiovanni, Pesenti Gritti 1, Bottari 2, Turani 2, Girotti 1   All. Padova
LUSSANA: Balbi 10, Canonico 2, Carioli 8, Carparelli 11, De Filippi 4, Martinelli 2, Poma 2, Renella, Sancinelli, Vigorelli 3, Zana 20, Ceccato   All. Montagnosi

Gruppo Esordienti ospite nel classicissimo derby cittadino contro l'Excelsior di Coach Padova.
Partita che parte un po' contratta per i nostri ragazzi, l'equilibrio regna per i primi 5 minuti e si allunga leggermente solo verso fine quarto chiudendo sul 17-8 alla prima sirena.
Il ritmo si abbassa nel secondo quarto, si vede qualche errore di troppo e qualche soluzione forzata, parziale a metà partita di 17-34 per la squadra ospite.
Il secondo tempo fila liscio senza tanti scossoni, dopo quattro quarti il tabellone recita 31 a 62 per i nostri ragazzi.

Prossimo impegno: Martedi 17 Aprile alle ore 19.00 (Fiumararena) contro SBT Treviglio



#VAILUSSANA

martedì 27 marzo 2018


U18 provinciale - seconda fase SILVER - Basket Cologno vs Lussana 59-63

Basket Cologno: Arnoldi F. 2, Arnoldi, Belloli, Coter 9, Delcarro 19, Foglieni 5, Motta 4, Nicoli 2, Santinelli 8, Soldini, Togni, Villa 10

Lussana: Alari 15, Biffi, Biroli 16, Dal Pian, Dubbini 9, Giavazzi 4, Locatelli 3, Pagani, Piziali, Storto 16, Zanchi.

Parziali: 23-11; 6-15; 15-16; 15-21


Importante vittoria dei nostri u18 contro Cologno, nostra diretta avversaria per il secondo posto.
Dopo un primo quarto giocato al rallentatore, con poca concentrazione, nel secondo quarto finalmente decidiamo di metter piede in campo e pallone su pallone restituiamo il parziale ai nostri avversari e di fatto riapriamo la partita.
Il terzo quarto ne è la dimostrazione: l'equilibrio è assoluto ma la sensazione di aver sempre più il controllo sulla partita è palpabile.
Nell'ultima frazione finalmente riusciamo ad andare avanti e nonostante il deciso tentativo di rimonta di Cologno, riusciamo a manterere il vantaggio di 4pp che ci dà il 59-63 finale.

U18 provinciale - seconda fase SILVER - Basket Pedrengo vs Lussana 41-67

Basket Pedrengo: Arosio 3, Bolis 7, Bonfanti 1, Finazzi 2, Invernizzi 6, Luzzana 3, Ndiaye 10, Rigamonti 4, Signori 3, Suardi 2

Lussana: Alari 22, Biffi, Dal Pian 12, Dubbini 4, Giavazzi 21, Pagani 3, Piziali, Signorelli 5, Zanchi


Parziali: 10- 13; 16-17; 11-21; 4-16


Dopo l'inopinata sconfitta contro Gorle occorreva tornare alla vittoria e la partita contro Pedrengo ha rappresentato l'occasione giusta.
Nonostante le assenze e un primo tempo davvero combattuto, siamo riusciti ad aver la meglio con un ottimo secondo tempo.
Ridurre le palle perse e migliorare le scelte di tiro sono sempre la soluzione corretta per ottenere il controllo di una partita ed è quello che è successo nella seconda frazione, conclusa sul punteggio di 41-67.

Campionato U16 M. Girone Silver BG 1 - 4^ gara di ritorno


Lussana – Excelsior 51-50 (25-31)

Lussana: Mozou 11, Del Prato 7, Angioletti 5, Vanoncini 2, Aresi 3, Togni 9, Porro 4, Bonari 3, Ghezzi 2, Regantini 5, Marelli.
All.re: Campari L.

Excelsior: Ruggeri 8, Rossi 4, Braghin 10, Rondini 6, Mason 5, Manangam 11, Locatelli 6, Graffigna, Riggio, Mandelli, Baglioni, Ragazzi.
All.re: Guerra
Arbitro: sig. Ranieri. 

Parziali: 7-17; 18-14; 7-9; 19-11.

Note:
Falli fatti: Lussana 16, Excelsior 24. Usciti per falli: Lussana, Aresi; Excelsior, Braghin, Ruggeri.
Tiri liberi: Lussana 10/31; Exelsior, 6/13.
Tiri 3 P.: Lussana 5 (2 Mozou, 1 Angioletti, 2 Togni); Excelsior 4 (2 Manangam, 2 Locatellii).

Prossimo impegno: Domenica 8 aprile ore 11 Sportiva Sondrio vs Lussana – Palascienghi Via  Aldo Moro Sondrio.

Partiamo male e nei primi tre minuti non riusciamo a buttare la palla dentro neppure per sbaglio, ed il parziale del primo quarto è eloquente, con un divario di dieci punti di vantaggio meritatissimi per gli ospiti che giocano proprio un bel basket.
Ma il derby si sente, c’è tensione agonistica e nel secondo quarto i nostri riescono a recuperare qualche punto ed il primo tempo ci vede sotto di soli 6 punti.
Al rientro le due squadre sono contratte, molti gli errori da entrambe le parti, anche sotto misura dal pitturato non realizziamo conclusioni facili ed il nervosismo sale; ci portiamo molte volte in lunetta ma chiudiamo con una pessima percentuale 10/31. Il terzo quarto si chiude con un punteggio da minibasket (senza offese per i nostri piccoli): 9 a 7 per gli ospiti.
I coach alternano le difese per “sparigliare” le carte, cercano soluzioni anche tattiche per fare un mini-break perché il tempo scorre ed il fischio finale non è poi così lontano. Non è un bel gioco, la partita si sente, è una di quelle “importanti”.
Ci tengono a galla le conclusioni dalla lunga di Mozou, Togni e Angio, ma è con la difesa che riusciamo a raggiungere sul 50 pari i ragazzi dell’Excelsior.
Gli ultimi secondi sono da infarto; subiamo fallo e con un uno su due dalla lunetta capitan Filo ci porta sul 51 a 50; mancano ora solo 3 secondi dalla fine e coach Guerra chiama minuto, per la rimessa in attacco.
Le squadre sono stanche, nervose, si gioca con grande intensità, ma poca lucidità, ed allora rischio (tanto); ultima difesa a zona tre due, con la prima linea alta a contrastare la rimessa e gli altri due chiusi in area per eventuali penetrazioni; se dovranno vincere, lo faranno con un tiro da fuori a tre secondi dalla fine.
La palla è in campo, un tentativo di penetrazione di un giocatore dell’Excelsior, viene chiusa da Filo al limite del fallo; un fischio arbitrale decreta infrazione di passi dell’attaccante.
Si chiude una partita tecnicamente non bella, non si è visto un bel gioco, un bel basket, ma le emozioni sono state tante, il tifo (anche quello dei grandi della Promozione) ci ha dato la spinta per portare a casa la vittoria, il nostro entusiasmo alla fine ha prevalso.

1..2..3..VAI LUSSANA…

lunedì 26 marzo 2018

Campionato U15 M. Girone Silver 1 – 4^ gara di ritorno
Lussana Bianco – Virtus Gorle 60 - 53 (20-20)

Lussana: Epis L. 2, Belotti 13, Pievani 4, Ferrari 11, Ferri 1, Villa 14, Epis M. 7, Bonalumi 8, Pagani, Ferretti,
Facoetti.
All.re: Campari L.

Virtus Gorle: Epis 12, Giugni 13, Nembrini 7, Piccolo 1, Offredi 3, Chiodini 15, Comana 2, Dimilta, Pezzotta, Miglioli, Cherillino, Laini.
All.re: Calvo A.
Arbitro: sig. Agazzi
Parziali: 8-8; 12-12; 22-19; 18-14.

Note:
Falli fatti: Lussana 13; Virtus Gorle 21. Usciti per falli, Lussana: n.n. - Gorle: Piccolo
Tiri liberi: Lussana 7/14; Virtus Gorle 4/14.
Tiri 3 P.: Lussana  2 (Ferrari, Epis M.); Virtus Gorle 5 (1 Nembrini, 1 Offredi, 3 Chiodini).

Prossimo impegno: Sabato 7 aprile ore 15,30 CRAL Dalmine vs. Lussana, Palestra Comunale Via Olimpiadi 1 Dalmine (BG).

Partita sofferta quella di domenica mattina, disputata tra le mure domestiche della Fiumararena.
Gara in equilibrio sia nel primo, sia nel secondo quarto, con punteggio sul venti pari alla fine del primo tempo.
I nostri ragazzi fanno fatica a giocare in contropiede e nelle transizioni offensive non riusciamo a giocare in campo aperto, privilegiando il palleggio più che il passaggio.
I ragazzi del Gorle sono precisi nel tiro, anche dalla lunga distanza, e non riusciamo a staccarci.
Al rientro dalla pausa lunga i nostri lussanini ci mettono impegno, voglia e coraggio; il punteggio sale e grazie al nostro Carletto, Belo, Samu, e Matteo riusciamo a sorpassare di pochi punti i bravi ragazzi avversari.
Nell’ultimo quarto continuiamo a macinare gioco, prendiamo buoni rimbalzi in difesa, il nostro capitano è su tutte le palle in difesa, anche se in alcune occasioni commettiamo falli ingenui e siamo puniti con due antisportivi, di cui l’ultimo ad una manciata di secondi dalla fine.
Ma i ragazzi tengono duro ed arrivano alla fine controllando un minimo vantaggio, sufficiente però a farci vincere questa sofferta partita.
Bene l’impegno che questi giovani ci hanno messo per tutta la gara, per l’autogestione iniziale, per come hanno saputo organizzarsi da soli e trovare soluzione ai problemi, in altre parole hanno saputo fare squadra: encomiabili, proprio bravi.
Ora ci attende una lunga pausa per le feste di Pasqua, ma dobbiamo tenerci allenati per arrivare in forma, dopo le vacanze, all’appuntamento con Dalmine.
FORZA RAGAZZI….FORZA LUSSANAAAA!!!!!



sabato 17 marzo 2018

Campionato U15 M. Girone Silver 1 – 3^ gara di ritorno

Basket Stezzano - Lussana Bianco 45 - 39 (23-24)Stezzano: Carafone 6, Colombelli 14, Pisati 7, Brozzoni 3, Suardi 3, Zani 3, Bonacina 3, Montella 2, Frigeni 4, Luanas.
All.re Zanetti M.

Lussana: Villa 10, Ferrari 9, Bonalumi 4, Epis M. 3, Epis L. 8, Facoetti 2, Pagani 1, Ricca 1, Candotti 2, Cacace, Ferretti, Ferri. 
All.re: Campari L.

Arbitro: sig. Fossati
Parziali: 14-13; 9-11; 7-7; 15-8.
Note:
Falli fatti: Stezzano 23; Lussana 18. Usciti per falli, Stezzano: n.n.- Lussana: n.n.
Tiri liberi: Stezzano 5/10 - Lussana 13/25.
Tiri 3 P.: Stezzano; 4 (2 Colombelli, 1 Pisati, 1 Zani); Lussana  2 (Villa).
Prossimo impegno: Sabato 25/03/18 ore 11,30 Lussana vs Virtus Gorle, Palestra Fiumararena, Li eo Lussana Via Foro Boario (BG)

Tutti hanno, dentro di sé, desideri, aspirazioni, ambizioni, anche un grande sogno nella vita. 
Tuttavia (e purtroppo) non realizzano i propri desideri, e mancano a quel sogno.
Altri invece non hanno particolari desideri, ambizioni, e non hanno alcun sogno nella vita, e purtroppo mancano a che a quel “non sogno”.
I desideri, le ambizioni, i sogni, li hanno tutti nella vita; il mendicante ed il ricco, il domestico ed il nobile, l’apprendista ed il suo padrone, perché tutti sognano, tutti desiderano, tutti “vogliono”.
Nelle aspirazioni, nei desideri, nei sogni, noi siamo uguali a loro.
Quello che realmente distingue le persone le une dalle altre è l’azione, la volontà di riuscire, la voglia di farcela, oppure che siano gli altri o “il destino” a farla a noi.
Se pensi che potresti perdere….hai già perso; se pensi di non potercela fare….non ce la farai.
Devi avere fiducia ed una buona considerazione di te stesso per farcela ed essere sicuro di te, prima di poter aspirare a qualcosa.
Nelle gare, in ogni competizione (ed anche nella vita) non prevale sempre il più forte, il più veloce, il più bravo MA, prima o poi, chi vincerà sarà colui che pensa di poterlo fare.   
Forza ragazzi e …..FORZA LUSSANAAAAA.


mercoledì 14 marzo 2018


Campionato U16 M. Girone BG 1 - 2^ gara di ritorno
Lussana – Virtus Gorle 72-49 (48-20)

Lussana: Del Prato 16, Regantini 11, Ghezzi 2, Aresi 7, Ferrari 6, Lilli 8, Villa 2, Gambirasio 6, Belotti 5, Angioletti 2, Zingarelli 7.
All.re: Campari L.

Virtus Gorle: Baldini 2, Gatti 9, Piccolo 5, Chiodini 1, Coggi 9, Tengattini 10, Sun 3, Provato.
All.re: Boccafurni M.

Arbitro: sig. Ghisleni M. 

Parziali: 25-8; 23-12; 10-11; 14-18.

Note:
Falli fatti: Lussana 11, Virtus Gorle 21. Usciti per falli: Lussana, n.n.; Virtus Gorle, Gatti.
Tiri liberi: Lussana 13/26; Virtus Gorle, 8/16.
Tiri 3 P.: Lussana 1 (Zingarelli); Virtus Gorle 1 (Chiodini).

Prossimo impegno: Domenica 25/3 Lussana Bergamo vs Excelsior Bergamo, Palestra Fiumararena Liceo Lussana Bergamo.



Partono subito molto bene i nostri verdi lussanini che grazie alla spinta offensiva di un ispirato Del Prato (top scorer a fine partita) e di un Regantini sempre concentrato ed “in partita”, segnano un divario di 28 punti di vantaggio alla pausa lunga.

Nei primi due quarti anche il nostro Lilli e Lucio giocano una buona frazione di gioco, con Aresi, Ferrari e Gambirasio a dominare sotto il nostro ferro.
La troppa confidenza di avere la partita in tasca, ci fa perdere concentrazione e ci fa giocare con sufficienza mentre i bravi ragazzi di Gorle spingono nel 3°e 4°quarto con una zone-press a tutto campo, rubando palloni, e con fisicità ci mettono in difficoltà, tanto che gli ultimi due quarti sono vinti dalla squadra ospite.
Un calo di intensità e concentrazione che potrebbe essere fatale in un’altra occasione; per cui MAI mollare, MAI essere convinti di aver vinto la partita prima del tempo, solo quando l’arbitro fischia la fine potremo guardare il tabellone e contare i punti; fino ad allora dovete giocare ogni azione come se fosse quella decisiva, nella quale segnare per vincere.
E’ andata bene e siamo perciò contenti, ma fate in modo che l’attenzione rimanga per tutta la partita, allenandovi anche in questo.

FORZA LUSSANA…….